Carattere e cuore, il Riva fa sua la partita all’ultimo minuto

A volte sapere vincere le partite ‘sporche’, quelle che annullano qualsiasi schema di gioco, evidenzia il carattere di una squadra. È stato il caso del Riva di Stefano Lippmann nella sfida di recupero di ieri contro il Comano. Reduci dalla vittoria contro il Porza nel fine settimana, i gialloblù hanno ospitato la compagine giallorossa con l’intento di assicurarsi i tre punti e allungare a otto la striscia di risultati utili consecutivi. Missione più ardua del previsto, ma riuscita. 

Su un campo non in perfette condizioni, Riva e Comano hanno dato vita a una partita tattica, dove i tentativi di impostazioni dalla difesa dei locali sono stati vanificati con lanci lunghi alla ricerca di un’invenzione degli attaccanti. Al 45esimo nulla di fatto. Il primo tempo della partita a scacchi tra Lippmann e Pagnamenta finisce sullo 0-0.

Nella ripresa, le due formazioni tendono a scoprirsi leggermente andando alla ricerca di una rete che potesse sbloccare la partita. Il Riva – orfano del metronomo Nicola Padula, squalificato – si è dovuto affidare a un calcio di rigore – ‘d’esperienza’ di Maia Kos – per trovare il vantaggio. David Nessi dal dischetto vede neutralizzarsi la conclusione da Marco Bettellini, la respinta del portiere è al limite tra la linea di porta che convalida la rete, ma a spazzare via ogni dubbio ci ha pensato Scacchi con un tap-in vincente.

Il vantaggio locale dura però qualche manciata di minuti. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo, il portiere momò Toletti viene letteralmente travolto da un avversario. Per l’arbitro è tutto regolare e il Comano firma il pareggio.

Ancora su palla ferma nasce il vantaggio dei luganesi. Questa volta a essere distratta è la retroguardia padrona di casa, colpevole di aver lasciato saltare Nava per il 1-2. Troppo importante la posta in palio per non tentare il tutto per tutto. Così, l’allenatore-giocatore Lippmann ritorna in campo dopo l’infortunio patito nel mese di ottobre e dà l’energia necessaria ai suoi per ribaltare la situazione di svantaggio.

Al 32esimo della riprea il numero sette gialloblù, nel cuore dell’area di rigore, serve un palla al bacio per Rainone – alla prima marcatura tra gli attivi – che da due passi insacca il 2-2 in mischia. A una manciata di minuti dal triplice fischio, ecco il colpo di reni di capitan Santini e compagni che trovano il definitivo 3 a 2 con il ‘Gallo’ Livi.

Fc Riva – Comano: 3-2 (0-0)

Reti: 51′ Scacchi (1-0), 54′ rete Comano (1-1), 72′ rete Comano (1-2), 77′ Rainone (2-2), 90′ S. Livi (3-2)

Formazione: Toletti, Vassalli R. (Mantegazzi), Rainone, Dotti, Castelletti, Santini, Nessi, Maia Kos (Padula L., Lippmann), Livi G. (Spadini), Scacchi, Livi S.