Seniori, ‘ripartire dal secondo tempo di Novaggio’

Un’altra serata di emergenza per i Seniori di Ivan Calanca, saliti a Novaggio con soli tredici uomini e nemmeno tutti in perfette condizioni fisiche. Ad attenderli il Lema, squadra coriacea con pari punti, che presentava diverse novità ma soprattutto un significativo ritocco dell’anagrafe.

L’undici titolare del Riva poco divergeva da quello vittorioso messo in campo una settimana fa al San Giorgio. Un 4-4-2 collaudato e quest’anno di alterne fortune. Ciò che Mister Cobra ha dovuto cambiare è stata la posizione sul campo di alcuni attori. Sicuramente tra questi spicca Marzietto che, memore di un passato da mediano, ha accettato di buon grado di iniziare da centrocampista centrale al fianco dell’inesauribile capitano Lele Pozzi. Nulla di nuovo sulle fasce, così come in difesa, dove Enea Invernizzi stoicamente si è presentato nonostante la febbre. Davanti confermati Nicola e Saul.

Le battute iniziali evidenziavano subito le prime difficoltà degli ospiti. Peccato perché nelle ultime uscite il Riva aveva dimostrato di saper giocare con grande autorità la palla a terra. I Rivensi nonostante la prestanza fisica degli avversari e i loro centimetri cercavano sin dalle prime battute improbabili lanci lunghi verso i due generosi attaccanti. Le difficoltà si manifestavano anche sulle ali dove il sempre ottimo Marcello Flash e il sottoscritto hanno dovuto lottare prima ancora che contro gli avversari, contro i propri acciacchi e la stanchezza.

I centimetri e la fisicità degli avversari si sono confermati subito l’arma vincente. Qualità evidenziate soprattutto nei calci d’angolo, da dove sono nate due delle tre reti del primo tempo. I primi quaranta minuti difatti si sono chiusi con un roboante tre a zero per i padroni di casa e con Mister Cobra a rivedere la struttura tattica della squadra.

Nota piacevole il ritorno in panchina di Bicio Rezzonico dopo il delicato intervento chirurgico di qualche settimana fa. La commissione tecnica torna quindi a ricomporsi con il supporto anche di Andrea Robocop, sempre affettivamente presente. Mancava solamente Sam Civatti.

Il secondo tempo vedeva gli ospiti cambiare modulo e presentarsi con il 4-3-3. Lo spostamento di Marzietto a terzino sinistro, Enny terzino destro, Tibe difensore centrale e l’avanzamento a terzo d’attacco di Luke Imerico. La cintura di centrocampo formata dal capitano Lele, Marcello Flash e il sottoscritto. Invariato il resto.

Si parte con rinnovato entusiasmo e i risultati non tardano a farsi vedere. Qualche buona azione, avviata dalla difesa, buone anche le progressioni dei due terzini, e l’agonismo degli attaccanti. Da segnalare alcune interessantissime conclusioni di Lele Pozzi e una del sottoscritto. Poi finalmente i fatti: il Riva concretizza la propria buona volontà con una bella imbeccata di Luke Imerico, lesto a trafiggere di giustezza il portiere avversario.  A otto minuti dalla fine arriva anche il goal del due a tre grazie ad una splendida punizione tirata da Marzietto, sicuramente uno dei migliori in campo. Gli ultimi minuti hanno visto gli ospiti riversarsi tutti in avanti alla ricerca di quel pareggio che alla fine sarebbe stato indubbiamente meritato per quanto visto in campo.

Ad onor del vero i goal del Riva sarebbero stati tre e tutti assolutamente regolari, incluso quello che l’arbitro tanto ingiustificatamente quanto inspiegabilmente ha annullato a metà della ripresa a Marzietto, autore di un pregevole tiro franco dall’altezza dei trentacinque metri.

Peccato!

L’auspicio ora è che i gialli Seniori di Riva possano ripartire dal secondo tempo di Novaggio, tornando a macinare gioco e a ritrovare quelle vittorie che quest’anno faticano ad arrivare. La squadra c’è, la voglia e l’entusiasmo anche. Forse c’è stato qualche infortunio di troppo, ma chi è sceso in campo ha sempre dato quello che aveva.

Forza Riva allora e che si possa tornare a vincere già da venerdì prossimo nel difficile incontro contro la capolista Collina d’Oro.

(Gigi)