Un punto tra i rimpianti

Reduce da 4 vittorie consecutive in campionato, il Riva non è riuscito a centrare anche il quinto successo filato, impattando per 1-1 contro il Lema, sceso al San Giorgio con il chiaro intento di erigere le barricate. Occasione sprecata dai gialloblù che, complice la sconfitta dell’Insubrica e il passo falso piuttosto inatteso del Comano, avrebbero potuto chiudere l’andata alle spalle solo della capolista Melide.

Una ‘svirgolata’ difensiva ha permesso agli ospiti di andare in vantaggio dopo soli 4 minuti, servendo la classica doccia fredda all’undici di Lippmann, che per la seconda volta consecutiva ha schierato i medesimi uomini dall’inizio. La reazione, abbastanza confusa e più di cuore che di testa, non si è fatta attendere, tanto che i locali hanno sfiorato il pareggio in diverse occasioni, senza però mai dimostrare a fondo trame di gioco meditate. Parcheggiato il proverbiale bus difensivo, i malcantonesi hanno badato soltanto a difendersi, senza impensierire più Brenna.

Dopo la strigliata alla pausa, le cose non sono mutate più di quel tanto nella ripresa. I Gladiatori hanno provato in ogni modo a superare l’estremo difensore avversario, stoico a resistere a quasi tutti i tentativi. Quasi, sì, perché una punizione del ‘gallo’ Livi al 68esimo ha regalato lo strameritato pareggio ai suoi. Nel forcing finale, ancora molte le opportunità per trovare il tanto meritato 2-1, ma i momò hanno peccato di imprecisione negli ultimi metri, vanificando tre punti che sarebbero stati più che meritati.

Ora non resta che caricare le batterie in vista del ritorno, che si prospetta avvincente e complesso più che mai. Dopo un periodo di annebbiamento, il Riva ha avuto il merito di ritrovare la via giusta, riportandosi nelle primissime posizioni.

Ultimo appuntamento prima della sosta, la consueta partitella in famiglia’Giovani contro Vecchietti’ dove al San Giorgio giungeranno pure vecchie glorie come l’indimenticato ‘Gaffu’.

 

Fc Riva – Lema: 1-1 (0-1)

Reti: 4′ (0-1), 68′ Livi (1-1)

Formazione: Brenna, Mantegazzi (Fazliu), Donini, Dotti, Vassalli R., Santini M., Piffaretti (D’Aloia), Maia Kos, Vassalli F. (Amanel), Scacchi, Livi.

 

(Godot)