Il poker al Canobbio tiene aperti i giochi

Chi, nel gruppo 1 di quarta lega, si aspettava un finale di campionato ‘piatto’, dovrà per forza ricredersi. Ogni settimana cambiano gli equilibri in classifica e nell’ultimo turno ci ha messo lo zampino pure il Riva, andando a sbancare il ‘Maglio’ di Canobbio. Un 4 a 1 per i ragazzi di Lippmann i quali, grazie  questo risultato, rosicchiano tre punti alla capolista e rimangono in corsa per i giochi che contano.

Il primo tempo per i gialloblù è di quelli tosti: i padroni di casa attaccano a testa bassa e mantengono le redini del gioco. Nella prima frazione, infatti, si contano almeno tre occasioni nitide sprecate dai locali. Timide le reazioni del tridente Livi-Spadini-Vassalli, costretto più volte a rincorrere palloni difficilmente giocabili. Per i gladiatori del lago – che per l’occasione schieravano un inedito Stefano Susi difensore centrale – il primo tempo si archivia sullo 0 a 0 frutto di sacrificio difensivo.

Alla pausa l’indicazione tattica è una sola: alzare il baricentro di una decina di metri aumentando leggermente il pressing. La mossa che a conti fatti si rivelerà vincente. Al 53esimo, sugli sviluppi di una delle temutissime rimesse laterali di Fazliu, Spadini ‘spizza’ il pallone che va ad impattare sulla mano del centrale giallonero. L’arbitro non può far altro che decretare la massima punizione, realizzata dallo stesso Spadini. La partita, a quel punto, si sblocca e le sortite avversarie vengono compensate – rispetto ai primi 45 minuti – con capovolgimenti di fronte anche da parte momò. Al 58esimo, sugli sviluppi di un pressing sempre più costante, Francesco Vassalli da fuori area infila il due a zero. Al 75esimo i padroni di casa accorciano le distanze su calcio di punizione. La partita è più che mai aperta. Ma il migliore attacco del campionato, quello rivense, al 78esimo confeziona l’azione che porta al 3 a 1: manovra forzata di Livi che colpisce l’asta ma che trova un lesto Francesco Vassalli pronto a realizzare la doppietta personale. All’85esimo arriva anche il 4 a 1 di Sebastiano Livi, frutto di una serie di pregevoli scambi con il fresco Miglietta.

Il campionato, a questo punto, è più che mai aperto. Conduce il Canobbio con 47 punti, seguito da tre squadre a 44 e dal Riva a 43, a cui si aggiungono altre due inseguitrici (le quali hanno una partita da recuperare), Bioggio e Insubrica. E proprio contro l’Insubrica il Riva se la vedrà domenica prossima: l’appuntamento è per le 15 al San Giorgio.

Il rigore segnato da Spadini al 53esimo:

 

(Sli)