Riecco il Riva, quello spumeggiante e spietato sotto porta. Dopo un periodo non troppo esaltante, i momò sono tornati al successo andando ad imporre la propria legge sul campo del Bironico, surclassato per 5-1 dopo una partita in cui i gialloblù hanno concesso poco o nulla agli avversari. Complice la battuta d’arresto del Melide, i sottocenerini salgono al secondo posto in classifica in coabitazione proprio con il paese del ponte-diga. Nel complesso, ottima la prova dell’intero collettivo di Lippmann con l’attacco – numeri alla mano il migliore della Lega con il Canobbio –, pronto a scardinare la retroguardia e la difesa abile ad arrestare sul nascere le sortite offensive.

Un grande conclusione di Spadini dal limite ha aperto le danze, mentre il raddoppio di Kos, centrocampista con il vizio del gol, ha regalato il doppio vantaggio già dopo soli 22 minuti. Contrariamente a quanto sovente accade, i Gladiatori del Lago hanno continuato ad insistere, calando il tris ancora con l’attaccante dopo altri 2’. Negli ultimi 10′ del primo tempo, la formazione di Piffaretti ha alzato un attimo il suo baricentro, arrivando con più costanza ai 16 metri, ma un contropiede orchestrato da Santini ha permesso al capitano di giornata di siglare il suo hattrick a pochi istanti dalla pausa.

Al rientro in campo per la seconda frazione di gioco, la musica non è cambiata e al 52′ Miglietta ha trovato il suo quinto gol stagionale sugli sviluppi di un calcio d’angolo. I cenerini, ormai arrendevoli, si sono resi minacciosi soltanto sulle palle ferme, approfittando delle marcature ballerine del Riva. Nel finale il gol della bandiera di Negrini, che con una bella girata al volo ha rovinato lo shootout di Marrarosa, che poco ha potuto nell’occasione.

(Godot)